Benvenuti sul nuovo sito del Comune di Pino Torinese. Stiamo lavorando al trasferimento di tutti i contenuti sul nuovo portale del Comune. Se non trovi ciò che stai cercando, vai al vecchio sito cliccando sulla voce sottostante

Ci ha lasciato il 14 dicembre il nostro concittadino Leonardo Mosso, nato a Torino nel 1926 e figlio del celebre Arch. Nicola Mosso. Architetto e artista, Mosso è stato docente di Composizione Architettonica al Politecnico di Torino e in varie università estere, teorico della progettazione strutturale dell’architettura diretta ed è stato stretto collaboratore di Alvar Aalto, a cui ha intitolato l’istituto fondato, insieme al padre e alla moglie Arch. Laura Castagno, nel 1979. L’Istituto Alvar Aalto – Maad (Museo dell’architettura, arti applicate e design) ha sede proprio a Pino Torinese, presso la Villa Ruiz Antonelli. 
Negli anni numerose sono state le installazioni artistiche di Mosso in Italia all’estero (Germania, Olanda…), ultima delle quali quella al Centre Pompidou di Parigi, inaugurata a marzo 2018, che ha dedicato al noto architetto pinese una sala permanente dedicata alla sua opera. In mostra erano presenti molte opere fra cui spiccavano le tipiche installazioni a giunti, come la rossa “Ascension pour Laura” esposta nella parete all’ingresso, i modelli per la cappella d’artista e per la città programmata, documenti grafici e fotografie, nonché il bozzetto per il concorso di progettazione dello stesso Centre Pompidou, poi vinto da Renzo Piano e Richard Rogers, cui partecipò anche Leonardo Mosso nel 1971 e intitolato “La comune della cultura”. La sensibilità nei confronti della comunità, una comunità libera, aperta e indipendente, è un elemento sempre molto presente nell’opera di Leonardo Mosso, anche in quegli incredibili avamposti di modernità che furono le progettazioni al computer del “Progetto di città-territorio programmata ed autogestibile” condotti insieme a Laura Castagno, sua amata sposa, collaboratrice e artista a sua volta.
Parte delle opere allestite sono poi state donate da Leonardo Mosso e Laura Castagno al Centre Pompidou, inalienabili e destinate ad essere pienamente valorizzate nel futuro.
In occasione dei 90 anni dell'artista, il Comune di Pino Torinese ha organizzato, nell'aprile 2016, una cerimonia di riconoscimento durante la quale, alla presenza delle autorità e dello stesso Leonardo Mosso, si è ripercorsa idealmente la carriera e lo studio dell’architetto biellese, soffermandosi in particolare sul suo naturale collegamento e sull’influenza del mitico Alvar Aalto, architetto, designer e accademico finlandese, tra le figure più importanti nell’Architettura del XX secolo.
Il legame di Mosso con Pino Torinese è cresciuto e si è consolidato con gli anni, in occasione, soprattutto, di alcuni importanti eventi organizzati dall'Amministrazione in collaborazione con l'artista stesso. Ricordiamo, ad esempio, la mostra allestita, a cura dell'Arch. Gianfranco Cavaglià, nel maggio 2017 presso la Biblioteca Comunale Angelo Caselle dal titolo "L'Arte del Novecento e il Libro". L'iniziativa, realizzata nell'ambito del Salone del Libro di Torino, ha proposto una selezione di libri e riviste provenienti dalla collezione di Leonardo Mosso e Laura Castagno, raccontando la storia dell’arte attraverso le copertine di libri e riviste ideate da artisti, architetti e designer.
Nel 2018 la SIAT, storica Società degli Ingegneri e degli Architetti in Torino ha nominato l’Arch. Leonardo Mosso a Socio Onorario “quale protagonista della scena torinese, valente progettista e studioso attento e aperto alle contaminazioni culturali”. La nomina, celebrata durante un apposito evento a Pino Torinese nel dicembre del 2018, viene riconosciuta alle “persone che si siano particolarmente distinte nell’ingegneria, nell’architettura o nelle scienze e arti aventi attinenza con l'ingegneria e l’architettura”.
A giugno 2019 l’Istituto Alvar Aalto, nella persona del suo Presidente Leonardo Mosso, ha donato al Comune di Pino Torinese alcune opere dell'architetto e artista Umberto Cuzzi, uno dei più importanti architetti del filone razionalista, che ha avuto modo di visitare spesso Pino nel corso della sua vita e di dipingere alcuni suoi luoghi e paesaggi caratteristici negli anni 50 e 60.

"Con la scomparsa di Leonardo Mosso salutiamo un amico e concittadino di grande valore – dichiara il Sindaco, Alessandra Tosi -. Uomo di grande ingegno ed estro artistico, che ha portato onore al nome di Pino Torinese non solo in Italia, ma in tutto il mondo grazie alle sue opere d’arte e architettoniche. Si dice che l’espressione di un artista sia la sua anima manifesta: lo spirito di Leonardo ci viene quindi raccontato dalle sue creazioni, geniale e visionario, avanguardistico, sempre proiettato al futuro. Perdiamo una persona di grande valore e un amico, che ci lascia però in eredità il grande dono delle sue opere, la sua personalità raccontata tra le sale dell’Istituto Alvar Aalto. Alla moglie, Laura Castagno, e al figlio, Stefano, a nome mio e dell’Amministrazione Comunale le più sincere condoglianze e la nostra vicinanza.”

0
0
0
s2sdefault